Progressione

Uno dei problemi principali dello scoutismo fino a questo momento è sempre stata la valutazione della progressione personale,
Nelle associazioni scout normalmente questa valutazione viene effettuata dal capo unità sulla base della partecipazione e del grado di coinvolgimento alle attività -più o meno- considerando il suo livello di maturazione psico-fisica…. E’ piuttosto evidente che questo metodo non considera una serie di fattori che intervengono nella vita del giovane: due punti ad esempio, considera l’influenza della famiglia della scuola, non considera il valore delle esperienze private o delle esperienze individuali sportive, culturali. Lascia troppo discrezione al capo che dà le valutazioni un po’ come gli pare…

Consideriamo la persona umana come il risultato di una storia: la sua storia in particolare.
L’essere umano si qualifica
1-per la sua presenza fisica
2-per la sua capacità di imparare osservando i fenomeni attorno a lui
3-per la sua capacità di modificare l’ambiente nel quale si trova elaborando soluzioni creative
4-e si qualifica anche per il fatto che riesce a trovare un equilibrio nella convivenza in società basando la propria condotta su valori che sono condivisi dalla comunità alla quale appartiene

In estrema sintesi, la persona umana è:
1- il suo aspetto
2- il suo sapere
3- le sue gesta
3- la sua moralità

o, in altre parole, è
1-il suo essere fisico
2-il suo sapere
3-il suo saper fare
4-il suo saper essere

quindi anche:
1- fisicità
2- sapienza
3-competenza
4-moralità

Questa persona fisica che agisce nel mondo secondo il suo sapere e la sua competenza, per raggiungere determinati scopi è una storia che va valutata sulla base dei fatti; tali fatti sono fenomeni che si vedono e che si osservano e sono dunque misurabili.

Lascia un commento